Back        Prossimo "Mancante"

Londra: spiare i dipendenti fa bene

30 March 2006

Lo dice un rapporto voluto dal Governo inglese: le società che mettono sotto controllo i propri dipendenti possono contare su alti livelli di produttività. Per tutte le altre i rischi sono elevatissimi.

Londra - Spiare le attività online dei dipendenti è fondamentale per mantenere alti livelli di produttività e sicurezza informatica all’interno di un’azienda. È il parere del ministero britannico per le attività industriali, promotore del DTI Information Security Breaches Survey: due aziende su tre hanno avuto problemi tecnici, legali o economici perché garantiscono libero accesso ad Internet a tutti gli impiegati.

I dipendenti, come ha sottolineato il responsabile della ricerca Chris Potter, possono accedere a materiale online illegale o utilizzare i mezzi di comunicazione digitale per condurre azioni di spionaggio industriale. “Servono codici d’autoregolamentazione per tutti i dipendenti che usano Internet sul posto di lavoro”, dichiara Potter in un’intervista rilasciata a News.com, “perché questa situazione selvaggia, dove non ci sono controlli effettuati con attenzione, può far crollare la reputazione di un’impresa in un battibaleno”.

Potter vorrebbe che le aziende britanniche si dotassero al più presto di filtri per i contenuti web pericolosi, simili a quelli offerti da SmartFilter. “Più della metà delle imprese non utilizza questi sistemi”, fa notare Potter, “e sarebbe il momento che questo tipo di tecnologie venissero implementate anche per filtrare i messaggi di posta elettronica”.

Il governo britannico, che per ottenere questo spaccato si è avvalso della collaborazione di aziende come Microsoft, Symantec, ClearSwift ed Entrust, sembra quindi propenso ad adottare la soluzione in vigore negli Stati Uniti: spiare i dipendenti sul posto di lavoro è una best-practice, un fluidificante a livello microeconomico ed una conseguente spinta per l’economia del paese.

Secondo una ricerca finanziata dalla American Management Association, l’organizzazione che riunisce alcuni tra i migliori manager alle redini di piccole e grandi aziende, l’accesso indiscriminato a Internet può abbassare drasticamente la produttività dei singoli dipendenti e ha spesso portato a licenziamenti in tronco. In Italia, la situazione è distante anni luce da quella dei paesi anglofoni: le garanzie per gli impiegati, come ha stabilito il Garante della Privacy, non mancano.

Questo post tratto da: P.I.: Londra: spiare i dipendenti fa bene

Back        Prossimo "Mancante"