Back        Prossimo "Mancante"

Un robot che corre… da record

7 April 2006

È l'automa più veloce del pianeta, nella sua categoria. Si chiama RunBot, è bipede ed è stato progettato da un team di scienziati tedeschi e scozzesi.

G?ttingen (Germania) - Alto appena 30 centimetri, bipede e soprattutto “atletico” - per quanto un robot possa mai esserlo. Già, perché RunBot, l’automa sviluppato da un gruppo di ricercatori tedeschi e scozzesi, è il robot più veloce del mondo, capace di muoversi esattamente come un essere umano e di raggiungere una velocità di oltre un metro al secondo.

I creatori di RunBot, intervistati dal New Scientist, fanno sapere che il robocorridore sfrutta “un sistema assai semplice ma al contempo efficace” per muoversi “in maniera del tutto naturale”.

Come si vede nel video di RunBot, il piccolo bipede metallico è quindi in grado di destreggiarsi con un’andatura perfetta che somiglia in modo eccezionale a quella di un uomo. Il segreto della robotica sta tutto “nell’imitare i meccanismi neurali degli esseri viventi”, dichiarano i ricercatori, “attraverso l’uso di software che emulano i modelli di base dietro i riflessi muscolari”.

Florentin W?rg?tter, responsabile per lo sviluppo di RunBot, ha pubblicato le specifiche tecniche dell’automa sul prestigioso International Journal of Robotics. “È il più veloce del suo genere”, dice W?rg?tter, “proprio per la semplicità naturale del suo meccanismo di funzionamento”.

L’apparato elettronico di RunBot utilizza proprio questo tipo di “circuito neurale”, ricreato attraverso l’uso di speciali sensori. “RunBot si basa su un sistema neurale che regola l’oscillazione della gamba ed una sorta di riflesso naturale”, spiega, “in grado d’attivarsi quando un piede, durante la camminata, tocca terra: l’altro piede, quasi in modo automatico, si solleva e procede quasi automaticamente in avanti”.

Questo post tratto da: P.I.: Un robot che corre… da record

Back        Prossimo "Mancante"